Webcam paranoia, gli iMac

In risposta al mio riportare il reale pericolo che le webcam siano attivate a distanza ed all’insaputa di chi ne è osservato, Thierry mi spiegava che si premunisce dal rischio con dei foglietti di carta, piegati per agganciare la parte superiore dello schermo.

Una tale soluzione blocca certamente la webcam, ma non è necessariamente efficace per fermare il microfono: se il foglio non è aderente e non è sufficientemente spesso, questo può comunque captare il suono.

Avevo promesso una fotografia di come dispongo io il nastro isolante, in questo caso, eccola.

Fotografia di un iMac: al centro, in alto, di fronte, si trova la webcam, sempre al centro, ma sul lato superiore dello schermo, il microfono

Ho sottolineato i due elementi da bloccare: la webcam, in cima allo schermo, ed il microfono, segnalato da quei forellini, nella parte superiore.

Come già accennavo prima, ho usato del nastro elettrico, perché spesso e facile da rimuovere e riapplicare in maniera ripetuta. La zona della webcam è “riservata”, mettendo un pezzo di plastica non cosparso di colla (nel mio caso un frammento di tessera telefonica). C’è da tenere presente che se la cornice del monitor si scalda in maniera significativa, la parte superiore si sporcherà verosimilmente un po’ di colla.

La fotografia permette di intuirlo: ho usato due porzioni di nastro isolante, facendo una T, in maniera che basti staccare il nastro sulla webcam per continuare il gesto e scoprire il microfono.

4 Commenti

  1. Beh arrivare a far cio’ alla webcam è un po estremo. C’è la possibilità che possano spiarti è vero, ma già possono leggere le tue webmail, vedere le tue foto e probabilmente accedere ai tuoi file nel cloud..
    Sinceramente se il tuo livello di paranoia è questo, come minimo nondovresti usare prodotti Apple e software proprietario.

    • Preferisco di gran lunga che mi leggano le e-mail, tanto non ho nulla da nascondere, che scoprire un filmato che mi riprende su youtube girato a mia insaputa. :;

      Usare servizi come quelli che offrono Google, Facebook, DropBox o sui Cloud questo sì che è estremo, nel senso di estremamente pericoloso.

      Ciao.

Lascia un commento

I campi richiesti sono evidenziati con *.