Come conservo i film: procedura e schema dei nomi

Una sorta di breve pro memoria sulla maniera in cui conservo delle copie dei film, che condivido nella speranza che serva ad altri o susciti commenti utili.

Non so tu, ma io il DVD non lo considero benevolmente: relativamente fragile, ingombrante ed inefficace in risorse (la riproduzione del disco obbliga a farlo girare, particolarmente svantaggioso per i computer portatili). Ed è per questo che dei miei dischi faccio delle copie, in questo modo.

  1. (Facoltativo) Estraggo il DVD tramite un ripper (Mac DVD Ripper Pro, RipIt o l'oramai nascostosi Mac the Ripper, tutti a pagamento) estraendo il film completo (ottenendo una cartella VIDEO_TS, per intenderci)
  2. Uso l'ottimo (innanzi tutto perché open source e gratuito) Handbrake per realizzare un documento MKV. Nelle impostazioni Video seleziono Constant Quality, con RF a 18.25: in questo modo la qualità è, per quello che ho avuto modo di vedere, pari a quella dell'originale, con un sensibile risparmio di spazio.
  3. Nella conversione conservo solitamente più lingue: quella originale e diverse che possono interessarmi.
  4. Conservo diversi sottotitoli (per nessuno di questi seleziono l'opzione Forced Only, Burned In o Default), eventualmente ne aggiungo (selezionando Add External SRT).

Ultima fase dell'operazione è l'attribuzione del nome al documento, che segue uno schema semplice ed efficace, per i miei scopi, ossia:

ANNO Cognome regista – Titolo originale LINGUE AUDIO, lingue sottotitoli

In questo schema le lingue sono indicate con il codice relativo indicato nella norma ISO 639-1, ossia quello adottato ugualmente nell'HTML, e, vale la pena di sottolineare il dettaglio, le lingue dell'audio sono indicate con le maiuscole, mentre le lingue dei sottotitoli sono indicate da lettere minuscole. Questo schema fornisce quindi dei nomi come questo (a proposito: film consigliato!):

2009 Lynn – Wild Target EN FR, en fr

Sino ad ora questo sistema, che potrà sembrare esageratamente formalizzato, quasi uno spreco di energie, risponde alle mie necessità.

4 Commenti

    • In questo momento io preferisco organizzare tutto nella maniera più semplice e diretta, ma è vero che quest’applicazione non è troppo invasiva e colma un vuoto (o, a seconda dei punti di vista, offre un’alternativa a iTunes). Grazie, ci ridarò un’occhiata quando mi equipeggerò con xmbc pure io!

      D

Lascia un commento

I campi richiesti sono evidenziati con *.