La pubblicità in Firefox: spiegazioni

L’annuncio aveva di che sorprendere: Mozilla, protagonista di diverse lotte mal viste dai pubblicitari, metterà della pubblicità dentro Firefox. Basta poco, però, per capire che l’approccio non contraddice i principi della fondazione, è rispettoso degli utenti (o anche vantaggioso) e condivisibile.

Il problema della pubblicità

Innanzi tutto bisogna avere presente la differenza radicale tra il sistema pubblicitario del mondo cartaceo e quello informatico. Mentre una pubblicità su carta si offre allo sguardo (cercando di richiamarlo) del lettore, sui siti internet le regie pubblicitarie sorvegliano l’utente, gli danno la caccia e lo spiano. Questo è il problema.

Il problema di Mozilla

Mozilla non è solo Firefox. E neppure solo Thunderbird. E se anche aggiungiamo SeaMonkey, Lightning, Lightbeam, Firefox OS, Together JS, PDF JS, Persona, questi sono soltanto alcuni dei progetti della fondazione. Ed oltre ai prodotti che la fondazione realizza direttamente ci sono la definizione del Web grazie alla partecipazione al W3C, il sostegno per le imprese con idee che migliorano il Web, con WebForward e l’iniziativa pedagogica WebMaker.

Una gran parte del codice dei progetti della fondazione viene scritto da volontari, ma il resto del codice (e mille altre incombenze) sono affidate a dei dipendenti della fondazione. Non vendendo nulla, Mozilla assicura il suo finanziamento per altre strade.

  1. Con delle donazioni: il numero e l’importanza delle donazioni è cresciuto costantemente, negli ultimi anni. Si tratta comunque della fonte di finanziamento meno importante.
  2. Firefox include dei motori di ricerca preinstallati: Bing, Amazon, Ebay. Ciascuno di questi soggetti ha stretto un accordo con Mozilla che prevede, in cambio di questa funzionalità, un finanziamento della fondazione.
  3. La principale fonte di finanziamento di Mozilla, comunque, è un’altra. Quale è attualmente il motore di ricerca più efficace e noto al mondo? Google, certamente. Per offrire la migliore esperienza di navigazione ai suoi utenti, Firefox propone Google come motore di ricerca predefinito, ed anche questo accordo è una fonte di introiti per la fondazione.

Il problema qual è? Il disequilibrio. Il peso commerciale di Google ha fatto sì che il bilancio della fondazione si basi soprattutto sull’accordo con il motore di ricerca: negli ultimi anni la proporzione è cresciuta sino al 90%. Ed ora che Google ha un navigatore internet da contrabbandare promuovere? Quale maniera migliore per recuperare gli utenti di Firefox che fare sparire Firefox stesso?

Da alcuni anni la fondazione Mozilla lavora per diversificare le sue risorse e far fronte a dei possibili cambiamenti nel suo bilancio. Una di queste è l’introduzione della pubblicità, fornendo un servizio all’utente.

Come risolvere i problemi

Computer nuovo, Firefox nuovo. Cosa succede al primo avvio? Il navigatore mostra l’ormai standardizzata pagina di selezione veloce, con nove finestre per delle anteprime di pagine web e…

Una sola di queste è occupata, mentre le altre otto sono vuote, e verranno occupate dai siti più visitati. Progressivamente, semplicemente usando Firefox, l’utente riempie le nove finestre.

Cosa succede invece con Safari? Il meccanismo è lo stesso (tutti copiano la soluzione adottata a suo tempo da Opera), con una differenza: al primo avvio, Safari mostra già delle anteprime di pagine web.

Ecco quindi la rivoluzione di Mozilla che ha tanto sorpreso alcuni. Quando un verrà avviato nuovo profilo di Firefox, l’utente non si troverà più davanti ad una griglia vuota, ma saranno presenti delle pagine web. Si tratterà innanzi tutto di contenuti potenzialmente interessanti per l’utente, selezionati sulla base della sua localizzazione geografica. In più, saranno presenti alcune anteprime pubblicitarie, chiaramente identificate come tali.

Domande

Sono già un utente di Firefox. Quando arriva la pubblicità, cosa cambierà per me? Nulla. La pubblicità sarà visibile solo ai nuovi profili di Firefox.

Ho creato un nuovo profilo e vedo la pubblicità, come liberarmene? Diverse strade: usando Firefox. Secondo le previsioni attuali entro 30 giorni le anteprime selezionate da Mozilla saranno sostituite con i siti più visitati dall’utente. Oppure, per una soluzione immediata, basta cambiare la pagina d’avvio di Firefox.

E questa pubblicità mi sorveglia? Poco: Mozilla prevede di raccogliere dati unicamente su quante volte viene mostrata l’anteprima e quante volte l’utente decide di visitarne la pagina web mostrata in anteprima. Nulla di più.

La notizia dell’introduzione della pubblicità in Firefox ha stupito e preoccupato, ma non si tratta di uno stravolgimento dei principi della fondazione Mozilla, bensì di un’ottimizzazione dei suoi strumenti per garantirne un migliore funzionamento. Ed un’ottima occasione per ricordare che i progetti open source garantiscono la tua libertà. Tu puoi garantire la loro, sostenendoli finanziariamente: https://sendto.mozilla.org/page/contribute/

Riferimenti

Progetti di Mozilla

Una lista alfabetica di alcuni dei progetti della fondazione Mozilla.

3 Commenti

  1. Bravo, il tuo articolo mi è piaciuto.
    Certo che la mente che ha creato un modello economico che si basa per il 90 % delle entrate su un solo cliente non è che brilla per sagacia.

    Comunque il mio uso del browser è molto semplice, la mattina ho una lista pre impostata di siti che voglio visitare e non voglio essere in seguito avvisato se il contenuto di uno dei siti è stato modificato, per cui non vedo l’utilità di FireFox, Safari mi basta e avanza.

    Ciao.

    • Grazie: detto da una persona rigorosa come te, mi sento contento! 🙂


      Per la dipendenza da Google devi tenere presente che la sua parte è cresciuta negli anni, dato che Mozilla è riuscita a negoziare degli accordi sempre più vantaggiosi. Al tempo stesso queste risorse sono state viste come un pericolo, e quindi, ad esempio, Mozilla ha creato una riserva finanziaria strategica per far fronte ai pericoli che questa dipendenza rappresentava. E le riflessioni sulla diversificazione dei fondi sono in corso da tempo (la proposta di cui si parla è stata avanzata già un anno fa).

      Confesso, più che la strategia di Mozilla, a me sembra che il problema sia Google, troppo potente, e ciò non è per nulla a vantaggio degli utenti.

      D

  2. Pingback: La pubblicità in Firefox: spiegazioni | Buy Smartphone and Tablet Firefox OS

Lascia un commento

I campi richiesti sono evidenziati con *.