Pubblicare un link è pericoloso

È giusto che pubblicare l’indirizzo di una pagina internet sia pericoloso? Perché per ora lo è.

In Italia è stato il Post a verificare quanto possa essere pericoloso pubblicare un indirizzo internet. Il giornale ha dovuto far fronte ad una multa, ma nel Regno Unito, Richard O’Dwyer ha rischiato molto di più.

Era diciannovenne Richard O’Dwyer quando nel 2007 creò TVShack. Un motore di ricerca per vedere, talvolta anche scaricare, delle trasmissioni televisive. Alcuni degli indirizzi cui si veniva rinviati erano illegali, e Richard ha sempre provveduto ad escluderli dai risultati quando gli sono stati notificati, esattamente come fanno gli altri motori di ricerca.
Come gli altri motori di ricerca, era economicamente sostenibile (e proficuo) TVShack grazie alla pubblicità.

Richard O’Dwyer viveva a Sheffield. Il server che ospitava il suo sito non era negli Stati Uniti. Eppure sono stati gli Stati Uniti a chiudere il suo sito. Richard O’Dwyer era perseguibile in Gran Bretagna? No. Poco male, gli Stati Uniti ne hanno chiesto l’estradizione. Negli Stati Uniti Richard rischiava di incorrere in una condanna fino a 10 anni di carcere.

È anche di questo che si dovrà occupare la riforma del diritto d’autore che si prepara in Europa. Fai sentire la tua voce, rispondi subito alla consultazione e convinci altri a farlo, prima del 5 Febbraio.

La consultazione può essere completata ad uno di questi due indirizzi, a scelta.

Oppure puoi scaricare il formulario della consultazione e completarlo (seguendo queste indicazioni) prima di inviarlo per posta elettronica. In questo caso la pagina da consultare è questa: http://ec.europa.eu/internal_market/consultations/2013/copyright-rules/index_en.htm

Lascia un commento

I campi richiesti sono evidenziati con *.