Applicazioni in HTML? Da quando in qua?

Un commento pertinente ad uno dei miei interventi su Firefox OS merita una risposta più ampia.

Da quando HTML è un linguaggio di programmazione?

Da un po’ di tempo, a dire il vero, ed uno dei suoi principali sponsor si chiamava Steve Jobs. Qualcuno lo ricorderà: era la WWDC del 2007, e mancavano solo 18 giorni alla messa in vendita di iPhone. Cosa offrire ai programmatori per realizzare delle applicazioni per questa nuova piattaforma? Qualcosa di eccellente, meraviglioso (e via di questo passo, ovviamente): il web ed i suoi standard.

  • Espandere le possibilità della piattaforma
  • Mantenere sicuro l’ecosistema
  • Applicazioni integrate con il sistema operativo
  • Prestazioni, comportamento ed interfaccia identiche alle applicazioni native

http://www.youtube.com/watch?v=C8bqlyTA5yw#t=1h12m49s
(Ci sono riuscito!, mi sono ricordato come si fa!)

Come mai non ha funzionato? Sicuramente la vittoria del partito che voleva la nascita dell’App Store (cui Steve Jobs era, inizialmente, avverso) ha significato molto. Portava con sé un vantaggio di visibilità (per entrambi gli attori coinvolti), un servizio ai programmatori, un modello economicamente sostenibile, oltre che la possibilità di controllare il contenuto delle applicazioni.

Ma forse, oltre a tutto questo, la proposta era fallimentare e basta: non so se è solo una mia impressione, ma mi sembra che la reazione non fu molto entusiasta. Si parla di iPhone? Applausi ed urla dal pubblico. Steve spiega cosa hanno previsto e… applausi più moderati e niente più grida. Poi certo, viene annunciato Scott Forstall ed allora è chiaro a tutti che si tratta di un flop colossale…

Christian Heilmann ha fornito una lettura interessante della questione, perché non ha funzionato e perché può funzionare ora. La presentazione dura quasi 43 minuti, ed è qui. Sarebbe un peccato non trovare il tempo per guardarla tutta, anche perché è piena di battute gustose, ancora più saporite grazie all’accento tedesco di Christian in inglese, ma se vi interessa solo l’analisi su cosa accadde all’idea di Steve Jobs, pigiate qui.

12 Commenti

  1. “Come mai non ha funzionato?”
    la risposta credo sia semplice: HTML NON è creato per realizzare applicazioni; nonostante con la v5 abbiano inserito molte cose utili.

    L’applicazione di facebook per android era un classico esempio: in HTML5 era lenta e poco intuitiva. Fatta male direte voi? si, in parte; ma la verità alla fine è che un’applicazione java è più veloce e un’applicazione NATIVA lo è ancora di più.

    Inoltre ci si aggiunge che “vendere” applicazioni impacchettate, tramite uno store controllato è più semplice per gli utenti e più remunerativo per sviluppatori e fornitori

  2. In realtà pare che Jobs scelse questa opzione perché era “geloso” della sua creazione e non voleva che venissero installate altre App “native”.
    Da subito però, prima ancora dell’arrivo dell’AppStore, si sviluppò (per i dispositivi JB) un mercato di App parallelo… era naturale: le WebApp avevano troppi limiti.
    Tanto per dire, magari mi sbaglio (non sono esperto di “questo tipo” di programmazione) ma un gioco come RealRacing3, dubito che si possa fare in HTML5 (perdipiù con le stesse prestazioni).
    Detto questo, ben venga come alternativa, ma su FirefoxOS sono ancora scettico 🙂

    • Non ho presente il caso specifico, ma sì, i giochi in HTML5 “SI… PUÒ… FARE!!!!” (se ne parla proprio nel video, c’è la possibilità di tradurre automaticamente del codice in C o C++ verso javascript). Solo che la scelta di Cupertino è di vietarlo sulla sua piattaforma mobile: gli strumenti ci sono, ma qualcuno li ha opportunamente spuntati.

      D

      • Beh, certamente i giochi si possono fare, ma non tutti… forse non hai ben presente Real Racing 3, o Infinity Blade, o Wild Blood (tanto per citare qualche esempio)… Prova a darci un’occhiata…
        Le scelte di Apple sono spesso discutibili, ma del codice scritto in C++ gira in modo un tantino differente rispetto ad un Javascript.

  3. Ehm, piccolo dettaglio: le app (che brutta parola) di firefox os sono scaricabili o sono fruibili solo online? Uno dei problemi delle web app per iPhone era anche “ma se non ho una connessione o questa è lenta come l’anno della fame” (cosa non così rara)?
    Comunque, con la tecnologia attuale, anche con ajax non è possibile avere risposte così rapide da poter fare cose come giochi mmo.
    Certo, si possono fare molte cose utili (basta guardare le google apps), ma le differenze fra un’applicazione che gira nativamente (o in una virtual machine nel caso di java), specie in velocità, non c’è paragone.
    Come ha detto pulce, l’unico motivo per cui Jobs voleva le applicazioni web, era quello di tenere lontano i programmatori (e gli smanettoni) dalle sue api, in modo che le applicazioni di Apple avessero sempre qualcosa in più, lo stesso motivo per il fatto che se vuoi sviluppare un browser alternativo per iOs devi usare come motore di rendering safari, con prestazioni peggiori di safari (perché il browser originale deve essere il migliore a tutti i costi).
    Visto che parliamo di web, perché safari per iOs non supporta webgl?

Lascia un commento

I campi richiesti sono evidenziati con *.