Cambiare la memoria in un iMac

L’altro giorno ho installato dei nuovi blocchi di RAM nel mio iMac 27 pollici (2009). Come previsto (e come potrà dire chi ha esperienza in materia), l’operazione era semplice, solo alcuni brevi momenti di incertezza. Ecco un riassunto breve:

  1. Serve un cavviavite a stella.
  2. Le viti da svitare sono 3, lungo il bordo giusto sotto la mela.
  3. La linguetta permette di estrarre i moduli presenti. C’è da tirare con decisione (qualche volta temevo di stare esagerando, ma non era così).
  4. Il modulo da inserire deve essere messo con la scanalatura a sinistra. E va inserito con fermezza.

Basta riavvitare, ed è fatto.
E se proprio volete comprare un nuovo iMac 27 pollici (anche se forse non è una scelta avveduta), sappiate che, a differenza del modello da 21 pollici, questo modello permette ancora questo intervento (tramite uno sportellino sul retro, sotto il cavo di alimentazione).

3 Commenti

  1. perchè non è una scelta avveduta l’Imac da 27?
    Io dovrei cambiare il MACPRO del 2007 e ad oggi il MacPro oltre che costare uno sproposito non mi sembra un concentrato di tecnologia…
    Roberto

    • Grazie Roberto, mi hai permesso di notare che avevo dimenticato un rinvio: all’articolo precedente in cui ho segnalato i problemi allo schermo dell’iMac 27 pollici riscontrati in alcuni casi ( http://signord.tevac.com/2013/01/12/non-comprate-un-imac-27-pollici/ ).

      Al di là di questo, io al tuo posto non prenderei un iMac che ha uno schermo non necessariamente buono, non particolarmente ergonomico, che costa un sacco e che non puoi aprire per niente, tranne per cambiare la RAM sul 27 pollici (se hai un Mac Pro, immagino tu non abbia paura del cacciavite). Al tuo posto valuterei la possibilità di fare un cluster di Mac Mini: due, tre, anche quattro, legati via Thunderbolt, che lavorano insieme. Per la stessa spesa puoi avere più potenza, una configurazione più modulare e evolvibile. Oppure puoi aspettare: pare che i nuovi Mac Pro arrivino quest’anno (pare).

      D

      • La straordinarietà di una macchina come il Mac Pro (io ho un 8-core mid 2010) sta anche in questo: per sostituire o aggiungere ram non serve alcun cacciavite; sbloccate due levate si sfila con semplicità disarmante la scheda madre con processori e tutto, la si pone su un piano ed il lavoro è incredibilmente agevole (io ho problemi alle mani e ad effettuare quest’operazione per me è stata la signora che ci aiuta in casa!!). Lo stesso dicasi per gli hd: basta sfilarli dai loro alloggiamenti (son infatti montati in cassetti scorrevoli) e lavorarci su. Non un filo in vista, nessun connettore penzolante: uno spettacolo.

Lascia un commento

I campi richiesti sono evidenziati con *.